21 Febbraio 2010


Interpreti Italiani - quartetto d’archi

“Libiamo ne’ lieti calici: omaggio a Giuseppe Verdi”
Un brillante interpretazione delle più famose e amate pagine dell’opera verdiana.

Verdi

Lucio Degani - primo violino
Martina Lazzarini - secondo violino
Alfredo Zamarra - viola
Francesco Ferrarini - violoncello

Gli Interpreti Italiani nascono nel 2003 da un’idea di Francesco Ferrarini; è l’unione di alcuni fra i migliori musicisti italiani che, già da anni, collaborano come solisti e prime parti con importanti gruppi da camera ed orchestre di fama internazionale, quali: I Virtuosi Italiani, I Solisti di Mosca, I Solisti Filarmonici Italiani, I Solisti di Bologna, Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia, Orchestra dell’Arena di Verona, Orchestra Filarmonica Toscanini, Orchestra del Teatro Regio di Parma, Orchestra del Teatro Regio di Torino, Orchestra del Teatro S. Carlo di Napoli, Orchestra del Carlo Felice di Genova, Il Teatro Comunale di Bologna Gustav Mahler Jugend-Orchester ecc. I Componenti del gruppo sono risultati vincitori a concorsi nazionali ed internazionali quali: Concorso Internazionale di musica da camera di Caltanissetta, Concorso Gui di Firenze, Concorso Internazionale Curci, Concorso “Cilea”, Concorso di Vittorio Veneto, Concorso Zamboni di Cesena e Concorsi per prima parte nei Teatri: La Fenice di Venezia, Arena di Verona, Teatro Comunale di Bologna ed altri. Dal 2003 ad oggi il gruppo ha tenuto più di 200 concerti, molti dei quali nella sede “storica”, il Chiostro di S. Luca a Verona, (dove il gruppo ha la sua residenza estiva). Gli Interpreti Italiani si sono specializzati nell’esecuzioni della musica da camera che spazia dal periodo classico al novecento, proponendosi in formazioni variabili, (dal duo sino all’ottetto)ed ottenendo ovunque successo di critica e di pubblico. Frequenti sono anche le incursioni nel grande repertorio lirico italiano e tedesco con l’esecuzione di interessanti trascrizioni per quintetto d’archi, tenore e soprano,di ouverture ed arie dalle opere di Mozart, Rossini, Bellini arrivando sino a Verdi e Wagner. Nel 2006, Gli Interpreti Italiani, hanno iniziato l’ambizioso ciclo dei quartetti per archi di L. v. Beethoven, che si concluderà nel 2010; inoltre tra i prossimi impegni ci sarà l’esecuzione dell’Arte della Fuga in un breve ma intenso tour italiano. Insieme a Francesco Ferrarini collaborano al “ progetto cameristico” i violinisti Paolo Ghidoni e Bruno Donà ed il violista Alfredo Zamarra, sicuramente tra i musicisti italiani più affermati e apprezzati. Gli Interpreti Italiani hanno al loro attivo numerose registrazioni discografiche e radiofoniche.


ComboII